lunedì 23 aprile 2018

Io sono la porta (Gv 10,9)

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Io sono la porta (Gv 10,9)

Nella Bibbia si parla spesso di porte, una stretta e una larga.
Quella per entrare nel regno di Dio è stretta, quella che ci porta all'inferno è larga.

Nella parabola del buon pastore, Gesù indica qual è la porta e quale sia lo strumento per entrare nell'ovile.
Lui è la porta ma anche il guardiano delle pecore, per cui in Lui, via, verità, vita, si identificano.
In Lui troviamo tutto ciò che serve quindi per vivere.
Quando Gesù parla di vita, allude a una condizione esistenziale che prescinde dal tempo, e anzi lo annulla, trasformando il cronos in chairos.
Il chairos è il tempo delle occasioni favorevoli, il tempo dell'incontro con l'infinito di Dio.
Quando incontri Dio, esci fuori dal tempo per fare un'esperienza di vita totale, completa, profonda, eterna, trascendente.
La porta è Gesù, la porta stretta attraverso la quale passare per entrare nel grande mistero dell'amore infinito di Dio e naufragare dolcemente nel suo mare.
Ma perché troviamo scritto: "Io sto alla porta e busso?"
Che ci sia un'altra porta diversa da quella già qui citata?
Certamente.
La porta dell'uomo.
Non si può entrare nel regno di Dio se prima non abbiamo aperto la porta del nostro cuore a Lui, una porta che si apre dall'interno e che ci permette di fare conoscenza di Chi ci renderà capaci di diventare tanto piccoli da poter sperare di passare definitivamente dall'altra parte.
Già aprire il cuore.
"Aprite le porte a Cristo", le parole del papa.
Gesù è l'unico dietologo che ci può far fare la cura dimagrante, insegnandoci e abilitandoci a fare a meno di tanti cibi dannosi per la nostra salute, cibi che ci portano alla morte.
Gesù, attraverso l'Eucaristia ci nutrirà con un pane speciale, il suo corpo che non provoca intolleranze, ma sicuramente ci depura da ogni scoria cattiva, dannosa, velenosa.
È questo un tempo in cui vanno di moda le medicine alternative per curare le intolleranze alimentari.
Siamo diventati tutti intolleranti e siamo disposti a venderci anche l'anima per trovare nei negozi addetti, farine alternative con cui impastare un pane che non ci intossichi.
Strano che tutto questo capiti oggi in cui il crocifisso è oggetto di discussione e causa di scandalo per molti che lo sentono come un attentato alla propria libertà.
Comunque la si veda la cosa, certo è che, se vogliamo dimagrire, per entrare nella casa di Dio e rimanerci per sempre, è necessario aprire la porta al medico alternativo, Gesù Cristo, che verrà se uno lo ama, insieme con il Padre, a dimorare presso di noi.
Le ricette sono pronte, basta leggerle e poi fare ciò che c'è scritto da 2000 anni a questa parte per capire il principio attivo, le indicazioni terapeutiche e gli effetti collaterali, che potrebbero turbare e far decidere di usare altri farmaci.
La porta stretta del Vangelo mi fa pensare oggi ad un'energica cura dimagrante che posso e devo fare, aprendo la mia porta a Cristo.

Nessun commento: