venerdì 19 febbraio 2016

Il perdono





Va’ prima a riconciliarti con il tuo fratello.( Mt 5,24)

Mi rendo conto di quanto sia difficile perdonare chi non mi accetta per quella che sono, chi mi giudica, chi rimette in discussione le mie certezze acquisite.
Il mio inferno è quando non sono in armonia con la mia storia e con le persone che con me l'hanno fatta.
Chiedo al Signore di appianarmi la strada del perdono, lo supplico perché mi dia buoni sentimenti e sulla mia bocca metta parole di pace.
Come posso pensare a quelli che non vedo, alle anime Sante del Purgatorio, se non riesco qui su questa terra a dare pace, perdono alle persone che mi hanno offeso?
In questo momento penso ad un'amica con la quale c'era un po' di ruggine.
Ieri su Facebook ha scritto: "Riapro Skype" che significa riapro il cuore.
Così almeno l'ho intesa.
Un tempo ci parlavamo ogni giorno, ma da mesi non ci parliamo più, da mesi non ci guardiamo negli occhi, servendoci di questo strumento formidabile che ci permette, a chilometri di distanza, non solo di ascoltarci ma anche di vedere l'ambiente in cui uno si muove e anche tutto ciò che condiziona, favorisce la comprensione, l'accettazione o il rifiuto di quello che si sta dicendo.
" Riapro Skype", è un messaggio di riconciliazione.
Questo lo so ma io non sono pronta.
Sono pronta a offrire i dolori per le anime del Purgatorio, a fermare le guerre (ci si sente onnipotenti ma vorrei che mai questo pensiero mi sfiorasse) , che aprire di nuovo la porta a questa amica tramite Skype.
Ho paura di soffrire, ho paura di sentire la non verità di un rapporto. Ho paura di essere aggredita, non capita. Ho paura delle non verità.
Lo so Signore che quando ti hanno condannato a morte tu hai smesso di parlare e il tuo corpo ha parlato per te.
Lo so, Signore, che il silenzio è più eloquente di qualsiasi discorso, se uno vede, apre gli occhi.
In fondo nella Via Crucis tu non parli se non per dire poche ed essenziali parole.
Me le voglio ricordare
"Ho sete!”
Oggi sarai con me in Paradiso.”
Padre perché mi hai abbandonato?”
Sia fatta la tua volontà e non la mia."
Padre perdona loro perchè non sanno quello che fanno”

Di queste l'unica che oggi sento di poter fare mia è “ Ho sete!”
Sete di te Signore, della tua pace, della tua gioia, del tuo perdono.
Signore tu sei morto per i nostri peccati, sei morto per i miei no alla vita, i miei no ai fratelli, la mia durezza di cuore, il mio egoismo, la mia autosufficienza, il mio orgoglio .
Sei morto per me e, mentre stavi dando tutto a noi, hai detto:” Ho sete!”
Di cosa Signore avevi sete? L' avevi detto anche alla Samaritana che era andata a prendere l'acqua al pozzo.
Volevi il suo contenitore, la sua brocca, per riempirla.
Tu Signore, per placare la tua sete hai bisogno di contenitori, però, di case che ti accolgano, che ti ospitino, che ti dichiarino Signore della vita.
Vuoi la mia brocca Signore?
Eccola!
Non garantisco che tenga, che sia pulita, non lesionata, capiente quanto basta.

Non garantisco nulla Signore, perché sei tu la garanzia del mio sì all'amore, si al perdono.





(2Cor 5,19)
Dio ha riconciliato a sé il mondo in Cristo,
affidando a noi la parola della riconciliazione


Nessun commento: