giovedì 10 settembre 2015

"Rivestitevi della carità"


Meditazioni sulla liturgia di
    Giovedì della XXIII settimana del Tempo Ordinario (Anno dispari)


PRIMA LETTURA (Col 3,12-17)
Fratelli, scelti da Dio, santi e amati, rivestitevi di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine, di magnanimità, sopportandovi a vicenda e perdonandovi gli uni gli altri, se qualcuno avesse di che lamentarsi nei riguardi di un altro. Come il Signore vi ha perdonato, così fate anche voi.
Ma sopra tutte queste cose rivestitevi della carità, che le unisce in modo perfetto. E la pace di Cristo regni nei vostri cuori, perché ad essa siete stati chiamati in un solo corpo. E rendete grazie!
La parola di Cristo abiti tra voi nella sua ricchezza. Con ogni sapienza istruitevi e ammonitevi a vicenda con salmi, inni e canti ispirati, con gratitudine, cantando a Dio nei vostri cuori. E qualunque cosa facciate, in parole e in opere, tutto avvenga nel nome del Signore Gesù, rendendo grazie per mezzo di lui a Dio Padre. Parola di Dio 

SALMO RESPONSORIALE (Sal 150)
Rit: Ogni vivente dia lode al Signore.
Lodate Dio nel suo santuario,
lodatelo nel suo maestoso firmamento.
Lodatelo per le sue imprese,
lodatelo per la sua immensa grandezza.

Lodatelo con il suono del corno,
lodatelo con l’arpa e la cetra.
Lodatelo con tamburelli e danze,
lodatelo sulle corde e con i flauti.

Lodatelo con cimbali sonori,
lodatelo con cimbali squillanti.
Ogni vivente dia lode al Signore. 

Canto al Vangelo (1Gv 4,12)
Alleluia, alleluia.
Se ci amiamo gli uni gli altri, Dio rimane in noi
e l’amore di lui è perfetto in noi.
Alleluia. 

VANGELO (Lc 6,27-38)
In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«A voi che ascoltate, io dico: amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male. A chi ti percuote sulla guancia, offri anche l’altra; a chi ti strappa il mantello, non rifiutare neanche la tunica. Da’ a chiunque ti chiede, e a chi prende le cose tue, non chiederle indietro.
E come volete che gli uomini facciano a voi, così anche voi fate a loro. Se amate quelli che vi amano, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori amano quelli che li amano. E se fate del bene a coloro che fanno del bene a voi, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori fanno lo stesso. E se prestate a coloro da cui sperate ricevere, quale gratitudine vi è dovuta? Anche i peccatori concedono prestiti ai peccatori per riceverne altrettanto. Amate invece i vostri nemici, fate del bene e prestate senza sperarne nulla, e la vostra ricompensa sarà grande e sarete figli dell’Altissimo, perché egli è benevolo verso gli ingrati e i malvagi.
Siate misericordiosi, come il Padre vostro è misericordioso.
Non giudicate e non sarete giudicati; non condannate e non sarete condannati; perdonate e sarete perdonati. Date e vi sarà dato: una misura buona, pigiata, colma e traboccante vi sarà versata nel grembo, perché con la misura con la quale misurate, sarà misurato a voi in cambio». Parola del Signore
"Rivestitevi della carità"
"Dio è amore" scrisse Giovanni, il mio nipotino, all'età di 4 anni, sotto un disegno che raffigurava un papà, una mamma e un bambino.
Non sapeva ancora scrivere Giovanni, o almeno io così credevo.
Grande fu la mia sorpresa nel constatare che con linee incerte aveva scritto l'essenza del nostro credo.
Intorno ci aveva disegnato dei raggi gialli, come a indicare che il sole, la luce si sprigiona da una famiglia costituita da un padre, da una madre, da un figlio che si tengono per mano.
Mi stupì allora anche il fatto che il bambino non era messo in mezzo, ma fianco della coppia.
Quanta scienza, quanta intelligenza in un bambino, mi trovai a pensare, un bambino profeta a cui lo Spirito aveva suggerito ciò che aveva trovato scritto di sè, la meraviglia dell'inizio, l'immagine che Dio in lui aveva stampato, come in ogni uomo del resto
Giovanni aveva scritto il sogno, la nostalgia di un amore tutto per lui, aveva pensato che solo Dio poteva rimettere le cose al posto giusto, visto che gli era nato da qualche mese un fratellino che gli aveva sottratto il posto d'onore, il primato, come credeva.
Si sentiva minacciato da quel fratello che gli era venuto a diminuire l'affetto e le attenzioni dei genitori, dei nonni e degli zii, essendo stato lui il primo di altri figli, nati nell'ambito della famiglia di cui faceva parte, da parte del padre, nostro figlio e della madre.
Quel disegno allora mi sembrò perfetto, perchè non mi soffermai su ciò che mancava, ma su ciò che c'era.
Oggi, riflettendo sulle letture mi è tornato in mente quel disegno, dove c'è nascosta una verità inconfutabile.
Per Dio siamo tutti figli unici, amati allo stesso modo, destinati tutti a ricevere da Lui lo stesso indivisibile premio: il suo amore infinito, eterno, gratuito.
L'essere figli di Dio ci dà l'opportunità di ripensare ai nostri rapporti umani, ai nostri piccoli e grandi amori, amore di madre, di padre, di figlio di sposo, di amico.. amori con la graduatoria, amori a termine, troppo spesso, amori che ci tolgono la pace e ci fanno vivere male.
" fate questo in memoria di me" dice Gesù dopo aver benedetto il pane e il vino nell'ultima cena, segno del suo corpo offerto e spezzato per noi, del suo sangue versato per la nostra salvezza.
A chi pensava Gesù quando ha fatto questo straordinario segno di comunione, seguito dal suo sacrificio reale, indiscusso, consumato sopra la croce?
Nel suo cuore di carne, dilatato all'infinito dallo Spirito divino c'eravamo tutti, presenti, passati e futuri figli di re.
Sotto la croce c'era Maria, la madre e Giovanni, il discepolo che Gesù amava, o meglio il discepolo che più degli altri si sentiva amato da Gesù
C'era una coppia, quindi e il terzo, Gesù, che non era generato ma stava generando la Chiesa.
Il disegno di Giovanni non è che un capitolo di un racconto, il cui titolo non è da cambiare, un racconto, una storia vera dove un figlio non deve temere che ci siano altri fratelli a mangiare alla stessa mensa perchè ce n'è per tutti, in quanto l'amore di Dio non si misura e la sua casa è così grande da accoglierci tutti comodamente.
Giovanni il mio nipotino, che ora è cresciuto, sta rivalutando la straordinaria opportunità di avere un fratello con cui condividere lo spazio, il tempo e l'amore dei suoi genitori che, lungi dal diminuire, si moltiplica quanto più viene spezzato.
Ma quand'anche l'amore umano venisse meno, l'amore di Dio dura in eterno e su questa consapevolezza noi dobbiamo fondare ogni relazione.
Perchè solo Lui ci rende capaci di amare come Lui ci ha amati.
Da soli non andiamo molto lontano.
I nemici, diventeranno i nostri amici, quelli che scegliamo di amare come ha fatto Lui per primo, prima che nascessimo, prima che fossimo pensati dai nostri genitori.
E quando ci sentiamo smarriti di fronte ad un impegno così gravoso, rifugiamoci nel suo cuore misericordioso dove è sicuro ci troveremo tutti quelli che a parer nostro non meritano alcun perdono.
Faremo nostro il suo dolore, la sua mendicanza per un amore che aumenta nel momento in cui lo doni.

Nessun commento: