lunedì 23 ottobre 2017

Eternità

Quello che hai preparato, di chi sarà? (Lc 12,20)

La parola di oggi mi invita a riflettere su quanto io sia attaccata alle mie cose e quanto restia a condividerle con gli altri o addirittura a regalarle, prenderne le distanze, disfarmene.
Più vado avanti nel cammino di ascolto della Parola e più mi sento inadeguata e non conforme al modello che Gesù ci pone davanti.
E quello che dice non è pazzia, frutto di farneticazioni, ma terribilmente vero.

Chi di noi non sa che deve morire?
Chi non sa che dietro non ci possiamo portare niente, perchè tutto ciò che non serve nel mondo di là verrà distrutto e non sopravviverà in eterno?
Di cosa quindi ci dobbiamo preoccupare?
Mi viene in mente la parabola delle 10 vergini e dell'olio che solo cinque avevano provveduto a portare con sè. 
Quindi qualcosa ci serve per essere traghettati nell'Oltre di Dio, nel suo regno di pace, di amore, di verità e di giustizia.
L'olio che non ha niente a che vedere con le eredità del mondo, con i beni deperibili che ci hanno lasciato i nostri avi.
Chi chiede a Gesù di fare giustizia dividendo l'eredità con suo fratello, non conosce con chi sta parlando.
Una cosa certa è che Gesù è venuto a riunire, a fare di due popoli un popolo solo, che la divisione è l'arte del diavolo.
Se si tratta di soldi non possiamo dubitarne.
Gesù per tutto il tempo della sua predicazione non ha fatto altro che predicare l'amore, la condivisione, la solidarietà, la sussidiarietà perchè siamo, grazie al suo sacrificio, figli di un unico Padre e suoi fratelli.
Poichè l'eredità che ci è stata promessa, assicurata, se lo seguiamo, è quella dell'amore di Dio, amore infinito, che per quanto tu lo voglia dividere, infinito rimane.
E l'amore, ne siamo certi non muore con il nostro corpo, anzi lo mantiene pronto per ricongiungersi con l'anima nell'ultimo giorno.
Ciò che rende possibile il miracolo della vita, dell'eternità è l'amore di Dio che si estende a tutti e che è efficace solo se decidiamo di vuotare la nostra casa di bagagli ingombranti e deperibili e gli facciamo spazio per accoglierlo.
E' un po' come il gas nella mongolgiera che non si alza se non ce lo metti, ma anche se ce lo metti si solleva solo se getti a terra, lasci a terra la zavorra.

Nessun commento: