lunedì 11 novembre 2013

Signore aumenta la nostra fede!




VANGELO (Lc 17,1-6)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«È inevitabile che vengano scandali, ma guai a colui a causa del quale vengono. È meglio per lui che gli venga messa al collo una macina da mulino e sia gettato nel mare, piuttosto che scandalizzare uno di questi piccoli. State attenti a voi stessi!
Se il tuo fratello commetterà una colpa, rimproveralo; ma se si pentirà, perdonagli. E se commetterà una colpa sette volte al giorno contro di te e sette volte ritornerà a te dicendo: “Sono pentito”, tu gli perdonerai».
Gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!». Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: “Sràdicati e vai a piantarti nel mare”, ed esso vi obbedirebbe».

Signore aumenta la nostra fede, quando abbiamo paura, quando il dubbio ci assale, quando il mondo si crolla addosso, quando se ne vanno gli amici più cari.

Signore aumenta la nostra fede, quando ci sembra di esserci affaticati invano, quando ci sentiamo traditi, non presi in considerazione, sottovalutati, aumenta la nostra fede nella malattia, nel dolore, nelle prove.

Aumenta la nostra fede quando i tuoi silenzi si prolungano, quando ci sentiamo soli e abbandonati, quando ci sentiamo incapaci di perdonare, di amare, di riflettere la tua immagine fedelmente, quando le nostre parole non portano a te, quando siamo di inciampo alla fede dei nostri fratelli, quando giudichiamo, quando siamo schiavi del dover essere, quando non comprendiamo il tuo disegno di salvezza.

Aumenta la nostra fede Signore, quando ci distraiamo e siamo attratti dalle cose del mondo, quando le anteponiamo a te, quando la croce ci pesa e vorremmo scaraventarla lontano attribuendo a te la causa dei nostri guai, quando la morte ci fa paura, quando il male sembra prevalere sul bene, quando perdiamo la speranza.
Aumenta la nostra fede, Signore, quando ci dimentichiamo che tu ci ami sempre e comunque, anche se abbiamo poca fede o non l'abbiamo per niente.

3 commenti:

Saray ha detto...

A questa richiesta il Signore non può rimanere in silenzio. Chiediamo mille cose e poi ci dimentichiamo di chiedere quello che conta veramente per la nostra vita. Ti abbraccio Antonietta ^_^

Rosella ha detto...

Bellissima preghiera Antonietta. La faccio mia, perchè è quello che chiederei anch'io.
Buona serata e buona notte, cerca di riposare come si deve una buona volta....scherzo, so che se dipendesse da te, vorresti dormire come un ghiro.
Ti stringo in un forte abbraccio esteso anche a Gianni.

ANGELO ha detto...

Ma E' SOLO il SEME che si sente MORIRE quando la PULA comincia a non riuscire a trattenere l'AMORE che gli esplode dentro.