martedì 8 gennaio 2013

Eucaristia




VANGELO (Mc 6,34-44)

In quel tempo, sceso dalla barca, Gesù vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perché erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose.
Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: «Il luogo è deserto ed è ormai tardi; congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare». Ma egli rispose loro: «Voi stessi date loro da mangiare». Gli dissero: «Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?». Ma egli disse loro: «Quanti pani avete? Andate a vedere». Si informarono e dissero: «Cinque, e due pesci».
E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull’erba verde. E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti.
Tutti mangiarono a sazietà, e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

Ogni volta che leggo questo vangelo, mi commuovo.
C'è stato tanto tempo in cui «Voi stessi date loro da mangiare» lo sentivo rivolto a me, che dovevo continuare a servire dentro e fuori la casa, perpetuando un ruolo che mi si è appiccicato addosso, da quando ero piccola.
Poi è arriva la stanchezza: la strada era tanta, la sabbia si confondeva con l'orizzonte, la tenda premeva forte sopra le spalle, le forze venivano meno.
Fu allora che pensai che sarebbe stato bello sedersi ed essere servita.
" Fateli sedere" fu come un lampo, ricordo, quando mi venne in mente che potevo essere una della folla che stava seguendo Gesù.
Da sola ero andata avanti per tutto quel tempo, nonostante il giorno delle nozze fossimo in due a dirgli di sì.
Così il lampo divenne una luce stabile, calda, accogliente per leggere il resto.
"Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perché li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti."
In due dovevamo sederci, per donare all'altro quel poco che ci era rimasto e farlo benedire da LUI.
La luce divenne più forte, e illuminò la mensa eucaristica.
LUI , l' alleato, il dono di Dio il giorno delle nozze, ce ne eravamo dimenticati...
I pani dell'offerta erano pochi e raffermi, abbiamo commentato, prima di presentarli all'altare. Anche i pesci era un po' che stavano in frigorifero.
Abbiamo chiesto perdono e ci siamo fatti il segno di croce.
Con fede, con umiltà abbiamo aperto il nostro piccolo e misero paniere.
Ma Dio fa le cose in grande e ci stava aspettando insieme perchè ci voleva servire insieme , perchè a nostra volta insieme servissimo.
Il mistero dell'Eucaristia dove ogni dono è donato e moltiplicato ci ha tramortito.
Specie quando a Sacrofano abbiamo contemplato i segni che ci hanno traghettato nell'OLTRE.
Le spighe il pane, l'uva, il vino e tante casette, le Chiese domestiche, dove ogni giorno si spezza il pane della fatica, del sudore, del sacrificio per l'altro, lo sposo, la sposa, perchè la casa e chi ha la grazia di avvicinarle, queste piccole centrali d'amore, senta il profumo della Sua presenza e s'innamori.
Di LUI.
La fede, ho capito, è tutta in questo profumo che la Chiesa domestica è chiamata a far sentire perchè ogni uomo alzi lo sguardo e si accorga che Gesù è davanti a lui per ripetere all'infinito il miracolo della moltiplicazione dei pani..

4 commenti:

dagioia ha detto...

Molto bella questa riflessione Anto!
Ecco perché il Signore è contento se non dormi la notte!
Ti scaturiscono delle chicche preziose,
Grazie della condivisione!
Un bacio!♥

riccardoparacchini ha detto...

È un po' il cammino di tutti, credo.
All'inizio prendiamo il messaggio del dare da mangiare e del servire come un impegno. Ci diamo da fare all'inverosimile come se il centro, l'indispensabile, fossimo noi. Così in tutto questo darsi da fare dimentichiamo il centro, Gesù. Che siamo noi stessi cibo. Che dobbiamo dare noi stessi da mangiare, la nostra vita.
Grazie Antonietta che ti fai dono.

Fiorella ha detto...

Solo Grazie!

Saray ha detto...

Si, vero, si parla troppo poco di "chiese domestiche" Centrali dell'Amore come dici tu, dove nasce ogni giorno e si moltiplica l'amore e il sacrificio. Un abbraccio grande e un affettuoso saluto a te e a tuo marito. *_*