lunedì 6 agosto 2012

Trasfigurazione



VANGELO (Mc 9,2-10)
In quel tempo, Gesù prese con sé Pietro, Giacomo e Giovanni e li condusse su un alto monte, in disparte, loro soli.
Fu trasfigurato davanti a loro e le sue vesti divennero splendenti, bianchissime: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. E apparve loro Elia con Mosè e conversavano con Gesù.
Prendendo la parola, Pietro disse a Gesù: «Rabbì, è bello per noi essere qui; facciamo tre capanne, una per te, una per Mosè e una per Elia». Non sapeva infatti che cosa dire, perché erano spaventati.
Venne una nube che li coprì con la sua ombra e dalla nube uscì una voce: «Questi è il Figlio mio, l’amato: ascoltatelo!». E improvvisamente, guardandosi attorno, non videro più nessuno, se non Gesù solo, con loro.
Mentre scendevano dal monte, ordinò loro di non raccontare ad alcuno ciò che avevano visto, se non dopo che il Figlio dell’uomo fosse risorto dai morti. Ed essi tennero fra loro la cosa, chiedendosi che cosa volesse dire risorgere dai morti..

Erano oppressi dal sonno Pietro Giacomo e Giovanni, cosa che accade quando le parole sono scomode, inaccettabili, quelle che Mosè ed Elia dicono riguardo alla passione di Gesù.
Non sapeva quello che diceva Pietro,abbagliato da tanta luce, da tanta grazia, anzi forse lo sapeva benissimo che quella parte relativa alla sorte del maestro gli rovinava i piani e l'avrebbe volentieri taciuta.
Perchè, tanto che c'erano, non fare tre tende e rimanere lassù lontano dai guastafeste?
Sarebbe piaciuto a Pietro che le cose finissero lì, dove aveva trovato il suo appagamento personale: Gesù, la Legge, i Profeti. Cosa desiderare di più?
Il vecchio e il nuovo avulsi dal contesto della storia, fatta di fatica, di sudore, di dubbio, di deserto, di fame, di rabbia, di nostalgia.
Gesù, se non si fosse prima ritirato a pregare, forse ci sarebbe cascato anche lui a rimanere sul monte a goderesi il frutto della fatica, a coltivare l'orticello che con tanto amore si era piantato.
Ma proprio quando sembra che tutto sia chiaro, visibile, a portata di mano, ecco la nube, una nube che ti impedisce di vedere, di toccare, di muoverti.
E hai paura, una paura che ti gela la schiena, ti percorre le ossa e ti fa tendere le orecchie allo spasimo, per non inciampare, per orientarti in una realtà sempre più misteriosa e incomprensibile.
“Questi è il Figlio mio, l’eletto: ascoltatelo”.
La voce è quella che indica la strada da seguire: Gesù, l'unica vera guida, il maestro, la Parola che salva.
Bisogna scendere a valle custodendo un segreto che scotta, accettando di non vedere, frastornati, delusi, con l'unica e potente certezza che Gesù continua a parlare ad ognuno di noi con il linguaggio del cuore.

3 commenti:

fata confetto ha detto...

Un grazie particolare , Anto, per questa riflessione nel giorno della Trasfigurazione sul Monte Tabor,Mistero Luminoso, che per la nostra famiglia è un giorno di festa, perché coincide con il compleanno di mio marito Antonio. Lo festeggeremo stasera, dopo una giornata di lavoro e di caldo torrido, con la semplicità che rende ancora più belle le feste in famiglia. Ti saluto con affetto Marilena

Saray ha detto...

Ho avuto momenti di spiritualità, come il fine settimana trascorso al Santuario di Spiazzi, in cui stavo così bene nel silenzio e nella preghiera, lontana dai rumori della vita. Ho pensato: "che bello rimanere qui per sempre"..La vita è faticosa e dobbiamo portare il nostro contributo di cristiani anche se con fatica. Ti abbraccio cara :)

Anto ha detto...

@Saray E' tanto che non ci sentiamo e ho nostalgia. Sei tornata dalle vacanze, ma vedo che continui a farle: sono tutte quelle che ci fanno sentire più vicini a Dio. A presto. Buon Ferragosto.