venerdì 15 gennaio 2010

Guarigioni


VANGELO (Mc 2,1-12)
Il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra.
Gesù entrò di nuovo a Cafàrnao, dopo alcuni giorni. Si seppe che era in casa e si radunarono tante persone che non vi era più posto neanche davanti alla porta; ed egli annunciava loro la Parola.
Si recarono da lui portando un paralitico, sorretto da quattro persone. Non potendo però portarglielo innanzi, a causa della folla, scoperchiarono il tetto nel punto dove egli si trovava e, fatta un’apertura, calarono la barella su cui era adagiato il paralitico. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: «Figlio, ti sono perdonati i peccati».
Erano seduti là alcuni scribi e pensavano in cuor loro: «Perché costui parla così? Bestemmia! Chi può perdonare i peccati, se non Dio solo?». E subito Gesù, conoscendo nel suo spirito che così pensavano tra sé, disse loro: «Perché pensate queste cose nel vostro cuore? Che cosa è più facile: dire al paralitico “Ti sono perdonati i peccati”, oppure dire “Àlzati, prendi la tua barella e cammina”? Ora, perché sappiate che il Figlio dell’uomo ha il potere di perdonare i peccati sulla terra, dico a te – disse al paralitico –: àlzati, prendi la tua barella e va’ a casa tua».
Quello si alzò e subito prese la sua barella, sotto gli occhi di tutti se ne andò, e tutti si meravigliarono e lodavano Dio, dicendo: «Non abbiamo mai visto nulla di simile!».

Gesù è venuto a guarirci dall'incapacità di amare l'altro per quello che è, di perdonarlo per ciò che non riesce ad essere e a fare di conseguenza.
Gesù vuole toglierci dall'inferno in cui ci precipita il giudizio, la diffidenza e il rancore verso tutti quelli che sono di ostacolo alla realizzazione dei nostri desideri o contro chi è ritenuto responsabile della nostra rovina.
La paralisi è totale, quando si vive nella paura di essere aggrediti.
Non di tutte le malattie conosciamo la causa, di questa in particolare conosciamo solo i sintomi.
Le parole di Gesù scandalizzano o aprono il cuore alla lode, a seconda dei pregiudizi e delle aspettative di chi assiste al miracolo.
Certo è che, l'unico messo in condizione di sperimentare le conseguenze del perdono di Dio, è il paralitico, quello che per la prima volta in vita sua si è sentito guardato con amore, con compassione, con fiducia.
Ognuno di noi è il paralitico del racconto evangelico.
Anche se siamo in tanti a pregare, l'incontro con il Signore è unico e personale.
Solo chi ha sentito su di sé lo sguardo di Dio posarsi senza ripugnanza, il tocco della sua mano sulle sue ferite, la sua parola d'amore, finirà di avere paura e si metterà in cammino per abbattere muri, sfondare tetti sì che tutti abbiano la possibilità di attingere alla fonte dell'Amore,.
Generatrice dell' unica vera e indispensabile guarigione.

6 commenti:

paracchini ha detto...

 Una cosa che sempre mi colpì fu che in tutti gli episodi, tutte le persone si meravigliavano che non avevano mai visto nulla di simile e lodavano Dio, e le persone aumentavano sempre di più e lo cercavano Gesù, poi nel momento della condanna e dell'arresto pare che tutti si siano dimenticati di ciò che avevano visto, e Gesù fu solo e si sentì solo.
O no?

laprimaparola ha detto...

@ paracchini Le persone cercavano Gesù per l'idea che si erano fatti di lui, in base ad un'errata interpretazione delle scritture e ai miracoli.  Anche i discepoli sono caduti nell'inganno e lo hanno lasciato solo.Doveva scendere lo Spirito Santo sulla Chiesa nascente, perchè potesse essere testimone credibile di resurrezione.

Censorina ha detto...

Purtroppo molte volte lo lasciamo solo anche noi. Per fortuna Lui non ci abbandona. Sai che a Cafarnao esite ancora un parte di questa casa? Ci sono anche i ruderi della Sinagoga. Ne ho parlato circa un anno fa nel mio Blog

Buona domenica. Paola



Censorina ha detto...

QUI invece ci sono le notizie sulla Sinagoga

Censorina ha detto...

Ho letto su FB e sono entrata per leggerti. E' proprio un bel post, ma non ricordavo di averlo già commentato. Ciao.

lucianadal ha detto...

E' lo stupore che desta la fede! La gente si stupiva, ma la fede non è arrivata! Dio è diventato uomo come risposta alle nostre esigenze, anche oggi è così...e poi lo lasciamo solo!