martedì 27 maggio 2008

Lasciare tutto

Marco 10,28-31
In quel tempo, Pietro disse a Gesù: “Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito”.
Gesù gli rispose: “In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, che non riceva già al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna. E molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi”.



"Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito”.
Questa mattina riflettevo su quel lasciare tutto e seguire Gesù.
Me lo sentivo vicino, quando, dopo una notte insonne, all'alba ho pregato la Parola della liturgia del giorno. L'ho sentito rispondermi quando a Messa c'è stato chi è andato a leggere al posto mio, ben conoscendo, Lui, il sacrificio che faccio a stare in piedi.
Ho sentito la sua provvidenza, quando ho trovato il parcheggio al centro, vicino allo studio fisioterapico; l'ho pregato di sostenermi per quel piccolo tratto di strada che mi separava da Daniela, l'angelo buono che ogni settimana, da anni, si occupa di rimettermi in asse  il corpo e lo spirito.
Ho pensato che le giornate sarebbero tutte uguali nel dolore che le accompagna, se la Parola non desse loro senso e direzione.
Mi sentivo in paradiso pensando che, nonostante la malattia, vivevo la gioia di stare con Lui e di camminare verso l'eternità. 
Quand'ecco venire avanti, a passi lentissimi, appoggiato ad un bastone, un vecchio che spingeva un carrello di stoffa per fare la spesa, al mercato posto poco distante.
In quei suoi passi trascinati a fatica, nel suo volto sofferente mi sono specchiata e ho avuto pietà di me.
Mai come in quel momento mi sono sentita inadeguata, fuori posto, indegna di tanta grazia.
Ho chiesto perdono. Perdono a Gesù, perchè avevo avuto la presunzione di pensare che la mia vita è più tribolata di tante altre, perdono perchè mi ero messa al primo posto, perdono perchè a volte dimentico che è l'uomo il luogo dove incontrarLo.
Mentre ci sfioravamo io e il vecchio, sul piccolo marciapiede, ho benedetto lo sconosciuto che mi era venuto incontro e mi aveva mostrato il vero volto del Signore, che continua a parlare anche quando è finita la Messa.


1 commento:

simona22 ha detto...

ciao cara ANTONIETTA...GIà..IL VOLTO DI GESù...IN QUEL VECCHIETTO...GIà,...COMPRENDO BENISSIMO CIò CHE DICI...OGNUNO PORTA LA SUA CROCE....E LA NOSTRA CI SEMBRA SEMPRE LA PIù PESANTE...MA NN è COSì!!! INFATTI DOBBIAMO PORTARLA CN ORGOGLIO E NN DOVREMMO ABBATERCI MAI...questo lo dico a te...ma è come se lo stessi dicendo a me stessa...!!! grazieeeeeeeeeeee ANTONIETTA AVEVO PROPRIO BISOGNO DI LEGGERE QUESTE PAROLE....GRAZIE CN TUTTO IL CUORE.....TI LASCIO UN SORRISO!!!:-)))))))))))))